Cerca qui...

------------------------------------------------

Diplomazia e risolutezza: Condoleezza Rice



Condoleezza Rice, Segretario di Stato degli Stati Uniti durante l’amministrazione di George W. Bush, è stata anche la prima donna afro-americana a ricoprire questa prestigiosa carica.
Una breve analisi del testo di seguito riportato ci consente di tracciare un ritratto perfettamente in linea con quella che è stata la sua immagine pubblica ed il suo operato.
Ad una prima osservazione, ciò che colpisce è l’ariosità complessiva nella quale spazi bianchi e neri si armonizzano dando un’idea di organizzazione e chiarezza.
La grafia appare piccola, legata, originale senza scadere nell’ antimodello; ci parla di una persona di pensiero, dotata di capacità intellettive non comuni e che va dritta per la sua strada quando si pone un obiettivo da raggiungere.
Essenziale, elegante ma allo stesso tempo spontanea e dinamica nel suo svolgersi: queste peculiarità svelano un’inclinazione marcata alla diplomazia non disgiunta da una forte spinta all’azione. Condoleezza sa definire con precisione ciò che vuole ottenere e si adopera attraverso le modalità più efficaci riuscendo a captare, non con prepotenza ma con fermezza, il consenso di chi opera al suo fianco.
La zona emotiva viene messa invece più da parte per far spazio ad un approccio estremamente razionale mediante cui le situazioni vengono soppesate con occhio distaccato e critico. La cordialità e la gentilezza sono ugualmente presenti ed indispensabili per mantenere una correttezza di sostanza e di forma nelle relazioni, ma non c’è condizionamento dall’esterno: la sua autonomia di pensiero non viene mai intaccata.
La firma appare lievemente più piccola e dritta rispetto al resto del testo a suggerire come, in privato, Condoleezza ami ritagliarsi delle zone di privacy e riservatezza in cui il ‘non essere vista’ diventa quasi rassicurante.

Condoleezza Rice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *